Facebook e l’inchiesta sulla privacy

La piattaforma più diffusa al mondo, Facebook, rischia una sanzione di oltre 5 miliardi di dollari per una violazione di un accordo del 2011 a garanzia della privacy degli utenti. La questione risale a dopo lo scandalo di Cambridge Analytica che ha avuto accesso a 87 milioni di utenti Fb senza il loro consenso. La somma impatta negativamente sui risultati del primo trimestre, benché i ricavi siano aumentati annualmente del 26% a 15,08 miliardi di dollari, battendo la stima media degli analisti di 14,98 miliardi di dollari. L’incremento dei ricavi è stato aiutato dalla crescita di Instagram e della spesa pubblicitaria delle aziende. Il guadagno netto è però crollato a 2,43 miliardi di dollari, o 85 centesimi per azione da gennaio a marzo, con un calo del 51% rispetto ai 4,99 miliardi di dollari (o 1,69 dollari per azione) di un anno fa.

Vivo a braccio, curvo a gomito.

Teo

Fonte: https://www.ilmattino.it/tecnologia/internet/facebook_inchiesta_privacy_miliardi_multa-4450950.html

Lascia una risposta