Fingono la morte di un giocatore per rinviare la partita

Alla follia davvero non c’è mai limite e lo dimostra la notizia che sto per raccontarvi! Una squadra di calcio dilettantistica irlandese, per poter rimandare una partita, ha finto la morte di uno dei suoi giocatori, affermando che era stato coinvolto in un gravissimo incidente stradale. Tutta la lega è rimasta molto colpita dalla notizia, tanto che gli avversari hanno indossato tutti dei braccialetti neri in segno di lutto. Ma lo shock della morte del giocatore era nulla in confronto allo shock che tutti hanno avuto quando si è scoperto che La Fuente in realtà non era morto, ma  
era semplicemente tornato in Spagna. I funzionari della lega hanno scoperto che la presunta morte di Fernando Nuno la Fuente era stata una scusa per rinviare la partita. Le cose sono venute a galla quando la Lega si è messa in contatto con il club di La Fuente per vedere se c’era qualcosa che potevano fare per aiutare, e per avere un contatto con la famiglia per fare avere le loro condoglianze. Le risposte del Ballybrack hanno però generato molti sospetti. All’inizio la squadra ha sostenuto che il cadavere era stato seppellito in Spagna, paese natale del giocatore, ma la cosa era strana per i tempi fin troppo rapidi di questa presunta sepoltura. Alla fine, i funzionari della Ballybrack FC non hanno avuto altra scelta che ammettere la verità: La Fuente stava benissimo, e semplicemente era tornato in Spagna. La squadra ha fatto le sue scuse, ed il segretario del club ha rassegnato le dimissioni, anche se non è chiaro di chi fosse stata l’idea di annunciare la morte del giocatore per rinviare la partita. Proprio una brutta figuraccia!

Guardo tutto con occhi di scimmia. A pensarci su pensaci tu.

Honky Tonky

Fonte: https://notizie.delmondo.info/2019/03/16/squadra-di-calcio-finge-la-morte-di-un-giocatore-per-rinviare-la-partita/

Lascia una risposta