Scrittura terapeutica

La scrittura è terapeutica. Non ci sono dubbi. Lavorare sul proprio passato e sulla propria visione di vita, narrare se stessi e creare il futuro, è una grande terapia nel senso che guarisce i blocchi, le paure, ci aiuta ad essere consapevoli di noi stessi. Pensiamo soltanto, per esempio, alla medicina narrativa è assodato che porti grandi benefici sia al paziente sia a chi se ne prende cura instaurando un rapporto diverso e più proficuo ai fini della guarigione.Fa bene alla salute perché scrivendo (e prima ancora parlando quindi esprimendo) ciò che ci turba, ci limita, ci ferisce noi superiamo l’inibizione riacquistando la leggerezza, la liberazione da un peso. Quando, per esempio, l’emozione è troppo forte e non si riesce a narrarsi consiglio di creare un personaggio che interpreti la nostra parte. Un alter ego letterario. E voi, avete mai usato la scrittura come una via per ritrovarvi attraverso appunto la penna?

Vivo a braccio, curvo a gomito.

Teo

Fonte: https://www.ohga.it/scrittura-terapeutica-come-ritrovare-te-stesso-attraverso-la-penna/

Lascia una risposta